lunedì 13 luglio 2015

Attenzione ai prodotti senza glutine

Chi non ha un’intolleranza al glutine diagnosticata e sceglie gli alimenti privi di glutine perché pensa siano più salutari sbaglia.
Ci sono moltissimi zuccheri, come si può vedere dalle etichette che spesso li riporta al primo posto. Poi troviamo addensanti, gomme, idrocolloidi e aromi che non vengono nemmeno specificati. Non sono di per sé nocivi, ma il problema è la ripetitività dell’esposizione.
- continua la lettura su http://www.lastampa.it/

venerdì 10 luglio 2015

XV Municipio, nidi e materne private con iscrizioni a tariffe agevolate

Stipulato un accordo quadro tra il XV Municipio e alcuni tra asili nido e scuole dell’infanzia privati (tra cui la nostra - ndr) che ha definito la possibilità di accesso a queste strutture, con una tariffa agevolata, ai bambini che sono in lista d’attesa nelle strutture comunali. Lo comunica Alessandro Cozza, Assessore Politiche Scolastiche del XV.
- continua la lettura su http://www.vignaclarablog.it/

“Non un mio crimine, ma una mia condanna”: una campagna per i figli di detenuti

Sono oltre 800.000 i bambini europei con genitori in carcere: per questo, l’associazione Bambinisenzasbarre e la rete Children of  Prisoners Europe hanno lanciato l’iniziativa Child Rights Champion, per richiamare l'attenzione sulla grave situazione in cui versano i minori.
Adottare la “Carta dei figli dei genitori detenuti”: è questa la richiesta dei 100.000 bambini italiani, che ogni anno entrano in carcere per incontrare la mamma o il papà e che chiedono all'Unione Europea, con una petizione, di adottare la Carta per veder garantito, a tutti i bambini europei, il diritto alla continuità del legame affettivo con il proprio genitore in regime di detenzione e, a quest’ultimo, il proprio diritto alla genitorialità.
- continua la lettura su http://www.cittadinanzattiva.it/

Congedo parentale retribuito fino ai 6 anni, ecco le istruzioni dell'Inps

È una novità legata al Jobs Act, ma vale solo per i periodi di congedo fruiti nel 2015. L'Inps spiega come fare domanda, utilizzando il modello cartaceo SR23. Ancora silenzio invece sulla procedura per richiedere il congedo a ore.
L’Inps dà il via libera alle domande per il congedo parentale retribuito fino ai 6 anni di età del bambino. Si tratta di una delle novità contenute nel decreto legislativo n. 80 del 15 giugno 2015 “Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183” (uno dei decreti attuativi del Jobs Act), poi pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 giugno e in vigore dal giorno successivo.
- continua la lettura su http://www.vita.it/

Così gli adulti abusano dei bambini, usandoli

“Difendiamo i nostri bambini”, recitavano i cartelli in piazza San Giovanni in occasione della riedizione del family day, questa volta senza l’appoggio della Chiesa e dei movimenti se non gli apocalittici del Rinnovamento nello Spirito.
“Difendiamo i nostri bambini”, hanno fatto riecheggiare nell’aula del Senato i leghisti con uno striscione appeso nel corso della tempestosa votazione sulla Riforma della scuola a sottolineare lo stesso tema, la questione gender.
“Difendiamo i nostri figli”, hanno urlato i senatori 5Stelle, nella stessa occasione.
Difendiamo i nostri bambini è rieccheggiato anche oggi in Parlamento nel momento del voto finale alla Buona scuola.
- continua la lettura su http://blog.vita.it/

mercoledì 8 luglio 2015

#49libri49giorni, la lista dei libri proibiti diventa una maratona di lettura

Immediata e spontanea la reazione alla scelta del sindaco di Venezia di fare un elenco di libri per bambini da ritirare dalle scuole. Giovanna Malgaroli (Nati per Leggere): «Pensare che i libri servano per ammaestrare i bambini è una visione ottocentesca»
La lista dei libri proibiti del sindaco di Venezia è diventata in pochissimi giorni una lista di consigli di lettura. E dopo le iniziative spontanee nate nei giorni immediatamente successivi alla decisione del neosindaco di Venezia di ritirare dalle scuole dell’infanzia ed elementari della città i 49 titoli acquistati dalla Giunta precedente all’interno del progetto “Leggere senza gli stereotipi”, ora la protesta si è organizzata: è stato lanciato ieri #49libri49giorni, cioè la lettura in tutta Italia dei 49 libri messi all’indice in 49 giorni, uno al giorno, per mantenere e tutelare l'insieme di questi libri, senza censure o selezioni. Letture estive in spiaggia o nelle piazze la sera, o in famiglia. L’idea è nata dai commenti della pagina Facebook “Liberiamo i libri per bambini”, creata il 1 luglio, che ha superato i 5mila like in soli tre giorni.
La lettura “sovversiva” è in realtà già iniziata. Diversi i flashmob in varie città d’Italia. Scaffali di libri proibiti. Letture animate organizzate al volo, scegliendo proprio uno dei famosi 49 titoli messi all’indice.
- continua la lettura su http://www.vita.it/

Le Biblioteche di Roma condividono il diritto di tutti i bambini a leggere tutto, per essere liberi

Le Biblioteche di Roma e il loro CDA, sono contrari a tutte le forme di censura che contrastano i principi del pluralismo culturale.
Condividono quanto lBBY Italia- International Board on Books for Young People, Nati per Leggere e la Commissione Biblioteche e Servizi per ragazzi dell’AIB (Associazione Italiana Biblioteche), hanno sottoscritto nel comunicato stampa “Liberi di leggere tutto, leggere per essere liberi”, sulla recente decisione del Sindaco di Venezia di bandire 49  libri dai nidi e dalle scuole dell’infanzia.
Tra i libri censurati vi sono veri e propri capolavori della letteratura per l’infanzia, capisaldi del progetto Nati per leggere, e titoli della più recente produzione editoriale, specchio della società contemporanea in cui i bambini vivono.
Le Biblioteche di Roma difendono il diritto di espressione, di scrittura e diffusione di tutti quei libri per l'infanzia, che stimolano nei bambini un atteggiamento di fiducia e curiosità verso la vita.

martedì 7 luglio 2015

Hank Zipzer, il ragazzino dislessico che è un po’ tutti noi

Pasticcione ma intraprendente, Hank è il protagonista di una nuova collana ad alta leggibilità che diverte e aiuta i bambini a leggere.
Hank in seconda elementare non ha ancora come maestra la signorina Adolf, ma la più dolce e comprensiva signorina Flowers. Quando la maestra organizza uno spettacolo teatrale, Hank vorrebbe la parte della mosca d’acqua, ma al provino non riesce a leggere la parte, che invece viene assegnata all’odioso Nick “la zecca” McKelty. La signorina Flowers, allora, crea appositamente per lui una parte muta, quella del segnalibro. Ma le doti di Hank lo renderanno comunque mattatore dello spettacolo.
Un segnalibro in cerca d’autore
Henry Winkler, Lin Oliver,
illustrazioni di Giulia Orecchia
Uovonero
Romanzo ad alta leggibilità 7-8 anni
Vincitore del Cristopher Award nella categoria "Libri per ragazzi"

giovedì 2 luglio 2015

Pannolini Huggies: una piccola vittoria

L’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria – IAP, l’ente privato che regolamenta le comunicazioni commerciali per una “corretta informazione” – ha stabilito che lo spot della Huggies sui pannolini per bimba e bimbo trasmesso su Rai e Mediaset nel giugno del 2015 ha violato due articoli del codice di autodisciplina della comunicazione commerciale.
- continua la lettura su http://www.ilpost.it/

Approfondimento
Huggies, lo spot dei pannolini è sessista?

La legge per i vaccini obbligatori in California

Dopo l'epidemia di morbillo dell'anno scorso, è stata abolita la possibilità di non vaccinare i figli per motivi religiosi e "opinioni personali".
Martedì 30 giugno il governatore della California Jerry Brown ha firmato una delle leggi più severe degli Stati Uniti sulle vaccinazioni. La legge era stata proposta dopo che alla fine del 2014 nel parco divertimenti di Disneyland di Anheim, in California, c’era stata un’epidemia di morbillo. In seguito all’epidemia, che aveva fatto ammalare più di cento persone tra Stati Uniti e Messico, i senatori democratici Richard Pan e Ben Allen avevano cominciato a lavorare a una legge che permettesse di innalzare il livello medio di vaccinazione in alcune aree dello stato della California. Molti genitori americani evitano di vaccinare i loro figli – oppure rimandano le vaccinazioni – per timore di effetti sulla salute dei bambini. Moltissimi studi hanno dimostrato che non c’è nessuna relazione tra i vaccini e l’autismo o altre malattie croniche: tuttavia continuano a circolare teorie senza prove sulla pericolosità dei vaccini, spesso sostenute anche da personaggi molto famosi.
- continua la lettura su http://www.ilpost.it/

Matriarchè. Il principio materno per una società egualitaria e solidale

Biblioteca Vaccheria Nardi - venerdì 3 luglio , ore 17:30
Presentazione libro e proiezione documentario
Riflessioni sulla società matriarcale e su modelli di organizzazione sociale alternativi a quelli della nostra società in crisi.
Secondo la filosofa tedesca Heide Göttner-Abendroth, il termine “matriarcato” non è il contrario di patriarcato, cioè dominio e sopraffazione del femminile sul maschile, ma significa “matri/arché” cioè “origine dalle madri”.
Riscoprire le società a struttura matriarcale e prendere spunto da queste culture indigene di pace, può consentire di iniziare un cambiamento della nostra società in crisi, sia nel suo modello di sviluppo, che nell’organizzazione sociale.
Proiezione del documentario autoprodotto “Matriarché” (Italia 2012; 38’) e poi i partecipanti potranno esprimere opinioni e domande; infine, un breve laboratorio sui temi proposti.
Saranno presenti le autrici del libro Monica Di Bernardo e Francesca Colombini, insieme all’editore (Exòrma).
INGRESSO LIBERO
Via Grotta di Gregna, 37 
00155 ROMA (ROMA)
 (fonte: http://www.bibliotu.it/news/10496)

mercoledì 1 luglio 2015

Come preparare i bambini a cyber invidie, vendite fasulle, virus e amici virtuali

Come parlare dei pericoli del web ai bambini: preparare a  cyber invidie, vendite fasulle, virus e  amici virtuali.
È un bisogno sempre attuale quello di genitori, insegnanti ed educatori di catturare l’attenzione divertendo e trasmettere con leggerezza ammonimenti ed insegnamenti  importanti: non parlare con gli sconosciuti, essere sinceri, impegnarsi…
Se oggi davvero in pochi  lascerebbero attraversare un bosco da solo ad un bambino, spesso in molti li lasciamo scorrazzare nella rete non sempre sotto attenta e  puntuale supervisione. Il web è quindi oggi il nuovo bosco  dove camminano  da soli tanti piccoli Cappuccetto Rosso. Dobbiamo essere precisi nell’insegnare loro la strada, informarli sui nuovi e reali pericoli che potrebbero incontrare e prepararli a difendersi. A questo scopo, spesso nelle scuole vengono organizzati incontri con esperti del settore e Polizia Postale.
Un modo davvero simpatico di affrontare tutto ciò, può essere attraverso la  lettura di un libro che ho trovato in libreria alcuni giorni fa: “Hanno taggato Biancaneve”, libro di cui mi sarebbe piaciuto essere autrice ma l’idea, ahimè,  l’ha avuta prima Monica Marelli e l’ha illustrata in maniera deliziosa Caterina Georgetti.
- continua la lettura su http://www.innovationgym.org/